Home / Aree Di Attività / Ritorni Volontari e Assistiti / RISTART

RISTART

                                                                                                                                                 

 

 

 

 

 

 

Ritorno sostenibile attraverso il supporto alla reintegrazione

 

Cosa offre il Programma:

Il programma, attivo dal 1 luglio 2016 e fino al 31 marzo 2018, garantisce l’assistenza al ritorno in patria di cittadini di Paesi terzi presenti in Italia, che ne facciano volontariamente richiesta contribuendo, altresì, al loro reinserimento nel paese di origine
attraverso la realizzazione di piani di reintegrazione.

Attraverso il personale dell’OIM dedicato, il programma garantisce:

  • Un servizio di counselling individuale ed orientamento al ritorno;

  • L’organizzazione del trasferimento, attraverso un servizio di biglietteria e logistica personalizzato;

  • L’assistenza al rilascio dei documenti di viaggio presso i rispettivi consolati dei paesi di origine;

  • La copertura delle spese di vitto e alloggio il giorno prima della partenza per i beneficiari che provengono da altre provincie italiane, in transito a Roma;

  • L’assistenza del personale OIM presso gli aeroporti di partenza dall’Italia e in eventuali paesi di transito;

  • L’erogazione di un’indennità di prima sistemazione pari a Euro 400 da corrispondere in contanti a tutti i beneficiari del ritorno volontario prima della partenza (intesa per ciascun componente del nucleo familiare);

  • L’assistenza e il counselling pre-partenza per l’elaborazione di piani di reintegrazione, da valutare caso per caso a seconda dei bisogni dei migranti e del loro grado di vulnerabilità, in stretta collaborazione con gli uffici OIM nei paesi di origine degli interessati;

  • L’erogazione di un contributo in beni e servizi  rivolto alla realizzazione di progetti di reintegrazione, da erogare nel paese di origine tramite l’Ufficio OIM in loco e da assegnare a tutti i beneficiari nella misura di 1600 Euro per i singoli e capi famiglia, 800 Euro per i parenti maggiorenni a carico e 480 Euro per i minorenni a carico, solo se in partenza con i capo famiglia;

  • L’assistenza alla realizzazione del progetto di reintegrazione da parte degli Uffici OIM presenti nei paesi di origine dei beneficiari e successivo monitoraggio dopo sei mesi dal ritorno.

 

Chi sono i beneficiari?

Il programma è rivolto a 2000 cittadini stranieri di Paesi terzi (non UE), vulnerabili (disabili, anziani, donne in stato di gravidanza, genitori singoli con figli minori, persone che abbiano subito torture, stupri o altre forme gravi di violenza psicologica, fisica o sessuale, persone affette da gravi patologie) e non, appartenenti alle seguenti categorie:

  • Cittadini di Paesi terzi che non hanno ancora ricevuto una risposta negativa definitiva alla loro domanda di soggiorno o di soggiorno di lungo periodo e/o di protezione internazionale riconosciuta loro in uno Stato membro;

  • Cittadini di Paesi terzi che godono del diritto di soggiorno, di soggiorno di lungo periodo e/o di protezione internazionale o di protezione temporanea in uno Stato membro;

  • Cittadini di Paesi terzi che sono presenti in uno Stato membro e non soddisfano o non soddisfano più le condizioni di ingresso e/o soggiorno in uno Stato membro, compresi i cittadini di Paesi terzi il cui allontanamento è stato differito conformemente all’art. 9 e all’art. 14, paragrafo 1 della direttiva 2008/115/CE.

Dal programma sono esclusi:

  • I cittadini comunitari;

  • Cittadini di paesi terzi destinatari di un provvedimento di espulsione nel quale non è previsto un termine per la partenza volontaria e/o che non hanno ottemperato all’invito di lasciare il territorio entro i termini previsti;

 

Come presentare la richiesta:

 

L’assistenza al ritorno e alla reintegrazione può essere richiesta:

  • Dagli Enti e/o i soggetti che, a vario titolo, entrano in contatto diretto con i migranti e che intercedono per conto del richiedente;

  • Dai migranti, che in maniera autonoma richiedono l’assistenza al ritorno in patria.

I documenti per la richiesta comprendono: il Modulo di richiesta di assistenza ed il Modulo di richiesta per i parenti a carico.

Per ulteriori informazioni e per la segnalazione dei casi mandare una e mail a:
ritorno@iom.int o telefonare ai numeri:
06/44.23.14.28- 06/ 44 186200- 222