• Migranti venduti come schiavi in Libia. Le drammatiche storie raccolte dall’OIM

    Ginevra 11 aprile - Lo scorso fine settimana lo staff dell’OIM in Libia e in Niger ha raccolto orribili storie accadute lungo le rotte migratorie del nord Africa, veri e propri racconti che parlano di un “mercato degli schiavi” che affligge centinaia di giovani africani che si recano in Libia. Nello specifico, i funzionari dell’OIM di Niamey hanno condiviso la testimonianza di SC, un migrante senegalese che questa settimana tornerà a casa dal Niger dopo mesi di prigionia in Libia.

I am a migrant

I am a migrant

Notizie

ANCHE VITTIME DI TRATTA TRA I MIGRANTI CHE GIUNGONO IN ITALIA

ARRIVI VIA MARE: ANCHE VITTIME DI TRATTA TRA I MIGRANTI CHE GIUNGONO IN ITALIA

fotosbarco.jpg17 luglio 2014 - Sono sbarcati ieri al porto di Trapani i 1.171 migranti e richiedenti asilo soccorsi nel Canale di Sicilia dalle unità impegnate nell'operazione "Mare Nostrum" e portati in Sicilia dalla Nave “Etna” della Marina Militare. Circa la metà dei migranti è di nazionalità eritrea (600 persone). Altri paesi di origine sono Siria, Palestina, Togo, Senegal, Gambia, Nigeria, Costa d'Avorio, Mali.. Nel frattempo è atteso nelle prossime ore l’arrivo di altri migranti soccorsi in alto mare. Tra i diversi gruppi vulnerabili numerose sono anche le vittime di tratta.

- LE RACCOMANDAZIONI OIM ALLA PRESIDENZA ITALIANA DEL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA

 LE RACCOMANDAZIONI DELL’OIM ALLA PRESIDENZA ITALIANA DEL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA

ue.jpg9 luglio 2014 - La Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea  può contribuire in modo rilevante allo sviluppo di una politica europea  che affronti in modo adeguato  le complessità della gestione del fenomeno migratorio. Questo è quanto affermato dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) in un documento rivolto alla Presidenza italiana nel quale vengono fornite  alcune  raccomandazioni riguardanti ambiti e argomenti quali l’immigrazione irregolare, il contrasto alla tratta e il traffico di esseri umani, lo sviluppo di nuove politiche di  migrazione per lavoro e di programmi di ritorno nei paesi di origine.

- CONFERENZA STAMPA "INTERPRETO"

PRESENTATI A NAPOLI I RISULTATI FINALI DEL PROGETTO INTERPRETO, INIZIATIVA DEDICATA AGLI STRANIERI CHE SI RIVOLGONO AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

interpreto2.jpg3 luglio 2014 - Operatori sanitari, mediatori culturali, rappresentanti del Ministero dell’Interno e della Salute, hanno partecipato lunedi scorso a Napoli alla conferenza stampa di presentazione dei risultati di Interpreto, progetto che ha inteso fornire agli operatori ospedalieri la possibilità di richiedere in tempo reale - con l'ausilio di un tablet o di un telefono – un supporto linguistico in video chiamata durante le visite ai pazienti stranieri. 500 gli interventi effettuati nel corso di questa iniziativa sperimentale.

- GIORNATA MONDIALE PER LA LOTTA ALLA DESERTIFICAZIONE 2014

GIORNATA MONDIALE PER LA LOTTA ALLA DESERTIFICAZIONE 2014:  L’OIM ROMA SOTTOLINEA IL LEGAME TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E FLUSSI MIGRATORI

Foto: ©FAO/Alessia Pierdomenico20  giugno 2014 - In occasione della Giornata Mondiale delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione e alla siccità 2014 (17 giugno) si è svolto martedi scorso a Roma l'evento "Land for Life", organizzato da UNCCD, FAO e Ministero degli Affari Esteri italiano. All'iniziativa ha preso parte come ospite anche l’OIM Roma, che sottolinea: "Il legame tra flussi migratori e cambiamenti climatici sta diventando un fenomeno sempre più rilevante."

- ARRIVI VIA MARE: E' NECESSARIO FORNIRE UNA INFORMAZIONE CORRETTA

L’OIM ROMA: GLI ARRIVI VIA MARE SOLLEVANO IMPORTANTI QUESTIONI UMANITARIE MA È NECESSARIO FORNIRE UN'INFORMAZIONE CORRETTA

arrivi_in_sicilia.jpg12  giugno 2014 - Sono oltre 50.000 i migranti giunti sulle coste italiane nel 2014: un dato estremamente rilevante e al centro dell’attenzione dei Media di tutta Europa. Al fine di promuovere una comunicazione quanto più possibile corretta e informata sul tema, l’OIM Roma intende chiarire alcuni punti e sfatare luoghi comuni sull'entità dei numeri, su chi arriva, su Mare Nostrum e altri argomenti.

- DG OIM: PRENDERE AL PIU' PRESTO MISURE URGENTI PER AFFRONTARE LA SITUAZIONE DEGLI ARRIVI VIA MARE

ARRIVI VIA MARE: L’OIM CHIEDE CHE VENGANO PRESE AL PIÙ PRESTO MISURE URGENTI PER AFFRONTARE LA SITUAZIONE

medico siriano appena sbarcato aiuta i soccorritori italianiGinevra 10  giugno 2014 - Il Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, William Lacy Swing, a seguito dell’arrivo di oltre 5.470 migranti in Sicilia lo scorso fine settimana (che ha portato a oltre 50.000 il numero di migranti e richiedenti asilo giunti via mare in Italia nel 2014),  si appella affinché si agisca al più presto per evitare altre morti nel Mediterraneo.

- FLASH MOB SULLA CITTADINANZA

FLASH MOB DELL’OIM ROMA E DEL COMITATO 3 OTTOBRE PER SOSTENERE IL DIRITTO ALLA CITTADINANZA PER I BAMBINI E RAGAZZI STRANIERI NATI IN ITALIA

untitled2.jpg5  giugno 2014 - Si è svolto lunedi 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica Italiana, un Flash Mob per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del riconoscimento della cittadinanza italiana per i bambini e i ragazzi che sono nati o vivono da anni in Italia. L’inziativa è stata organizzata dall’OIM Roma insieme Comitato 3 ottobre e ha avuto luogo a Piazza della Rotonda (Pantheon) a Roma.

- CELEBRATI I FUNERALI DELLE 17 VITTIME DEL NAUFRAGIO DEL 13 MAGGIO

CELEBRATI A CATANIA I FUNERALI DELLE 17 VITTIME DEL NAUFRAGIO DEL 13 MAGGIO

funerale.jpg30 maggio 2014 - Si sono svolti mercoledì mattina presso il Palazzo della Cultura di Catania i funerali dei 17 migranti morti nel naufragio avvenuto lo scorso 13 maggio nel Canale di Sicilia e i cui corpi erano stati recuperati dai soccorritori della Marina italiana. Una tragedia dal bilancio incerto, ma che, secondo i racconti dei sopravvissuti, potrebbe aver causato più di 60 vittime.

- CONTINUANO GLI ARRIVI VIA MARE: L'OIM ROMA: "EVITARE AUMENTO DELLO SFRUTTAMENTO LAVORATIVO"

CONTINUANO GLI ARRIVI VIA MARE. L’OIM ROMA: “IMPORTANTE PREVEDERE ADEGUATE POLITICHE DI INTEGRAZIONE PER EVITARE UN AUMENTO DEL NUMERO DI MIGRANTI VITTIME DI SFRUTTAMENTO LAVORATIVO” 

oim-augusta.jpg22 maggio 2014 - Sono giunti oggi ad Augusta e a Pozzallo altri 950 migranti, soccorsi in altro mare dalle autorità italiane. Tra questi anche molte donne, nuclei familiari e minori non accompagnati.  Sono ormai oltre 38.000 i migranti che dall’inizio dell’anno sono arrivati via mare in Sicilia. L'emergenza però non è tanto numerica quanto umanitaria e operativa, e a questa situazione si aggiunge anche un’altra preoccupazione: il rischo che molti migranti diventino vittime di sfruttamento lavorativo e di organizzazioni criminali italiane e straniere.

- IL CORDOGLIO DELL'OIM PER LA MORTE DI UN MIGRANTE GAMBIANO

IL CORDOGLIO DELL’OIM PER LA MORTE DI UN MIGRANTE GAMBIANO PRESSO IL CENTRO DI ACCOGLIENZA UMBERTO I DI SIRACUSA

Staff dell'OIM al porto di Augusta presta assistenza a migranti appena sbarcati 16 aprile 2014 - L’OIM Roma esprime cordoglio per la morte di Ebrima Jaiteh, un migrante gambiano sbarcato venerdi scorso ad Augusta a bordo di un mercantile impegnato nell’operazione Mare Nostrum. Il decesso è avvenuto presso il Centro di Accoglienza di Siracusa Umberto I  lunedì 14 aprile. Il ragazzo era stato segnalato dal personale OIM alle autorità sanitarie presenti al porto di Augusta, ma non era stato ricoverato.