Home / News / - OIM E UNCCD LANCIANO UN PROGETTO SU MIGRAZIONE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

- OIM E UNCCD LANCIANO UN PROGETTO SU MIGRAZIONE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

OIM E UNCCD LANCIANO UN PROGETTO SU MIGRAZIONE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

foto_2.jpg14 marzo 2014 -   OIM e UNCCD hanno firmato la scorsa settimana l’accordo di collaborazione che ha dato avvio al progetto “Promuovere  una gestione sostenibile dei suoli in zone ad alta pressione migratoria dell’Africa occidentale utilizzando meccanismi di finanziamento innovativi”.  L'iniziativa intende lavorare proprio sul legame tra flussi migratori e gestione sostenibile dei suoli

 

IL LEGAME TRA FLUSSI MIGRATORI E GESTIONE SOSTENIBILE DEI SUOLI AL CENTRO DI UN PROGETTO AVVIATO DA OIM ROMA E UNCCD

  

Roma 14 marzo 2013 - José Angel Oropeza, direttore dell’Ufficio di Coordinamento del Mediterraneo dell’OIM, e Monique Barbut, Segretario Esecutivo dell’UNCCD (Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla Desertificazione) hanno firmato la scorsa settimana l’accordo di collaborazione che ha dato avvio al progetto “Promuovere  una gestione sostenibile dei suoli in zone ad alta pressione migratoria dell’Africa occidentale utilizzando meccanismi di finanziamento innovativi”.

Il progetto, finanziato dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo del Ministero degli Esteri italiano, intende lavorare proprio sul legame tra flussi migratori e gestione sostenibile dei suoli.

foto_2.jpgL’iniziativa  - realizzata in paesi caratterizzati da un’alta pressione migratoria quali Burkina Faso, Niger e Senegal – vuol contribuire alla prevenzione del fenomeno della degradazione dei suoli (processo che porta alla perdita di fertilità dei terreni) e al recupero di suoli già degradati. Ciò sarà reso possibile utilizzando meccanismi di finanziamento innovativi in grado di realizzare quelle attività di gestione dei suoli necessarie ad assicurare una produzione agricola adeguata e a evitare che si producano fenomeni ambientali distruttivi.

Il fine è quello di dar vita a politiche di sviluppo più efficaci e di creare nuove opportunità economiche, nonché di diffondere buone pratiche di sviluppo sostenibile, di riduzione della povertà e di adattamento ai cambiamenti climatici.

“L’Africa Occidentale è particolarmente interessata dalla presenza di flussi migratori”, afferma il Direttore OIM. “La desertificazione, la degradazione dei suoli e la siccità sono tra le principali cause che spingono le persone a migrare. Si calcola che circa 300 milioni di persone vivano al di fuori della propria area di residenza: tra queste, 10 milioni lasciano il paese. La collaborazione tra OIM e UNCCD intende proprio contribuire a contrastare questo fenomeno.”

“L’OIM”, spiega Oropeza, “si occuperà nello specifico di mobilitare risorse finanziarie tramite le rimesse dei migranti. Le diaspore sono un’importante risorsa economica per lo realizzazione di  progetti di sviluppo: basti pensare che nel 2013 le rimesse verso l’Africa sono aumentate del 6 per cento, raggiungendo la cifra di 64 miliardi di dollari. Tra le varie attività ci occuperemo quindi di informare le reti delle diaspore nei paesi di destinazione dei migranti – tra cui anche l’Italia – sul come poter investire in attività di gestione sostenibile dei suoli e rafforzeremo partenariati con le autorità locali dei paesi di origine e dei paesi di destinazione.”

Il progetto coinvolgerà tra l’altro autorità locali in Burkina Faso, Niger e Senegal, organizzazioni sub-regionali quali la Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (CEDEAO-ECOWAS), il Comitato permanente interstatale per la lotta alla siccità (CILLS), rappresentanti della comunità internazionale e organizzazioni espressione della società civile.

Per informazioni:

Flavio Di Giacomo (OIM Roma)  + 39  06 44 186 207 - email: fdigiacomo@iom.int