Home / Notizie

Notizie

Nuovo rapporto dell'OIM sul numero di migranti che perdono la vita nel mondo

Il Global Migration Data Analysis Centre (GMDAC) dell'OIM ha pubblicato un nuovo rapporto sul numero di migranti che hanno perso la vita nel mondo. Dal 2014, sono oltre 23.000 i migranti che risultano morti o dispersi a livello globale. Il rapporto costituisce il terzo volume della serie Fatal Journeys.

Rapporto OIM: sempre più giovani e sempre più vulnerabili le potenziali vittime di tratta in arrivo via mare in Italia

L'OIM ha pubblicato il rapporto “La tratta di esseri umani attraverso la rotta del Mediterraneo Centrale: dati, storie e informazioni”, basato sulle attività svolte dallo staff dell'organizzazione in Sicilia, Puglia e Calabria.

Nel giro di tre anni il numero delle potenziali vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale arrivate via mare in Italia è aumentato del 600 per cento. Le ragazze coinvolte sono sempre più giovani - spesso minorenni - e diventano oggetto di violenza e di abusi già durante il viaggio verso l’Europa. In particolare, il fenomeno riguarda circa l’80% delle ragazze arrivate dalla Nigeria, il cui numero è passato da 1.500 nel 2014 a oltre 11.000 nel 2016.

Campagna "Aware Migrants": presentato il film breve "Granma" e la canzone "Challenging Death"

L'OIM e Ministero dell'Interno hanno presentato alla stampa il film breve "Granma". Realizzato nell'ambito della campagna informativa "Aware Migrants", il film - diretto da Daniele Gaglianone e Alfie Nze - sarà proiettato per la prima volta al 70° Festival del Cinema di Locarno (2-12 agosto). La colonna sonora del film, il brano rap “Challenging death”, scritto da Alfie Nze e interpretato dai due giovani protagonisti del film, ha dato vita a un video musicale. Vedi il video "Challenging Death".

L’OIM: necessario rafforzare la cooperazione tra gli stati membri dell’UE nella gestione del flusso migratorio via mare

Ginevra 4 luglio - In attesa della riunione informale dei ministri europei dell'Interno, della Giustizia e degli Affari Interni di questa settimana, l’OIM esorta gli Stati membri dell'Unione Europea  a rafforzare la cooperazione nell’ interesse comune di salvare più vite nel Mediterraneo e di aiutare gli Stati membri sul confine meridionale dell'UE a ricevere, assistere e accogliere persone salvate in mare.

La storia di Promise, vittima di tratta assistita dall'OIM

Arrivata in Italia con la promessa di diventare parruccchiera, Promise è stata costretta dai suoi aguzzini a prostituirsi. E’ riuscita a liberarsi dal circuito di sfruttamento ed è stata assistita dal team OIM in Sicilia. La sua storia dimostra come i minori siano i soggetti più vulnerabili del fenomeno della migrazione irregolare.

 

Bando A.MI.CO. Award

È aperto il bando A.MI.CO. Award rivolto esclusivamente alle associazioni della diaspora con sede in Italia provenienti da paesi terzi, che abbiano partecipato all’intera durata di uno dei Corsi A.MI.CO. organizzati nel 2015, 2016 e 2017 a Roma, Milano, Napoli, Catania e Bari. Scadenza: 11 giugno 2017

Condanna per l’assalto vandalico di stampo xenofobo di Forza Nuova

L'Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM è stato oggi vittima di un assalto vandalico di alcuni dimostranti del movimento di destra “Forza Nuova”.

Il commento dell'OIM: "Condanniamo questo grave episodio. Colpire in modo vandalico un'organizzazione delle Nazioni Unite impegnata nel campo della migrazione non aiuterà ad affermare le posizioni di stampo xenofobo che i manifestanti si propongono di diffondere."

Sono oltre 1000 i migranti morti quest’anno lungo la rotta del Mediterraneo centrale

La rotta del Mediterraneo centrale continua a essere la più letale del mondo: secondo le stime dell’OIM, su un numero totale di 36.851 migranti arrivati in Italia via mare, è salito a 1002 il numero totale di persone che hanno perso la vita lungo la traversata.

Il grande impegno profuso da tutti i soccorritori in mare - incluso il  grande lavoro operato dalle ONG nell’ultimo anno - ha permesso comunque di salvare migliaia di vite.

Migranti venduti come schiavi in Libia. Le drammatiche storie raccolte dall’OIM

Ginevra 11 aprile - Lo scorso fine settimana lo staff dell’OIM in Libia e in Niger ha raccolto orribili storie accadute lungo le rotte migratorie del nord Africa, veri e propri racconti che parlano di un “mercato degli schiavi” che affligge centinaia di giovani africani che si recano in Libia. Nello specifico, i funzionari dell’OIM di Niamey hanno condiviso la testimonianza di SC, un migrante senegalese che questa settimana tornerà a casa dal Niger dopo mesi di prigionia in Libia.

Presentato il nuovo video della campagna "Aware Migrants"

E’ stato presentato venerdi 17 marzo “I remember” il nuovo video della campagna Aware Migrants. Il lancio dello spot coincide con la fase di diffusione della campagna in Africa, che durerà per tutto il 2017. La Campagna Aware Migrants intende informare i potenziali migranti sui rischi della migrazione irregolare, con un particolare focus sul rischio delle traversate e sulle violenze e abusi di cui i migranti sono vittime, soprattutto in Libia. Sono in molti ad intraprendere il viaggio senza conoscere i rischi che potrebbero incontrare lungo la rotta migratoria e nei paesi di transito: Aware Migrants si propone di mettere il potenziale migrante in condizione di prendere una decisione libera e informata sul viaggio migratorio, decisione che è e deve restare una scelta personale.

Guarda qui il Video “I remember”