Home / Notizie / - LE RACCOMANDAZIONI DELL'OIM ROMA PER UN RAFFORZAMENTO DELLE POLITICHE DI MIGRAZIONE E SVILUPPO

- LE RACCOMANDAZIONI DELL'OIM ROMA PER UN RAFFORZAMENTO DELLE POLITICHE DI MIGRAZIONE E SVILUPPO

LE RACCOMANDAZIONI DELL’OIM ROMA PER UN RAFFORZAMENTO DELLE POLITICHE DI MIGRAZIONE E SVILUPPO IN ITALIA

ms.jpg9 maggio 2014 - L’impatto positivo delle migrazioni sui paesi di origine e di destinazione da un punto di vista socio-economico, finanziario e culturale è ormai un’evidenza sia a livello internazionale sia a livello italiano ed è sempre più chiara l’importanza di riconoscere l’influenza delle dinamiche migratorie sulla cooperazione allo sviluppo.  E’ quanto afferma l’OIM Roma che, alla vigilia del Global Forum su Migrazione e Sviluppo che si svolgerà la prossima settimana a Stocccolma, presenta una serie di raccomandazioni volte a promuovere un inserimento di migrazione e sviluppo nelle strategie della cooperazione italiana.

 

  LE RACCOMANDAZIONI DELL’OIM ROMA PER UN RAFFORZAMENTO DELLE POLITICHE DI MIGRAZIONE E SVILUPPO IN ITALIA


   

9 maggio 2013 -  L’impatto positivo delle migrazioni sui paesi di origine e di destinazione da un punto di vista socio-economico, finanziario e culturale è ormai un’evidenza sia a livello internazionale sia a livello italiano ed è sempre più chiara l’importanza di riconoscere l’influenza delle dinamiche migratorie sulla cooperazione allo sviluppo.  E’ quanto afferma l’OIM Roma che, alla vigilia del Global Forum su Migrazione e Sviluppo che si svolgerà la prossima settimana a Stocccolma, presenta una serie di raccomandazioni volte a promuovere un inserimento di migrazione e sviluppo nelle strategie della cooperazione italiana.

“L’interesse della comunità internazionale per il binomio migrazione-sviluppo si è andato consolidando nell’ultimo decennio, in particolare con i Dialoghi di Alto Livello delle Nazioni Unite del 2006 e del 2013 e con l’istituzione del Global Forum su Migrazione e Sviluppo”, afferma José Angel Oropeza, direttore dell’ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM.
 
“L’OIM”, spiega Oropeza, “ha avuto un ruolo rilevante in questo percorso dando un sostegno diretto alle iniziative internazionali ma anche promuovendo il riconoscimento del contributo delle migrazioni ai tre pilastri dello sviluppo sostenibile, raccomandando l’integrazione della migrazione nell’Agenda di Sviluppo della Nazioni Unite post-2015 e sostendendo la ridefinizione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Per quanto riguarda il contesto italiano, l’OIM Roma realizza già dal 2003, grazie al sostegno del Ministero degli Affari Esteri, progetti di Migrazione e Sviluppo che valorizzano il ruolo delle comunità immigrate e delle loro reti transnazionali anche per lo sviluppo dei Paesi di origine.”

“In Italia sono stati fatti rilevanti passi in avanti”, sostiene il Direttore OIM. “Anche la proposta di revisione della Legge quadro sulla cooperazione internazionale (L. 49/1987) sembra offrire interessanti prospettive in questa direzione.”

Ed è in questo contesto che l’OIM Roma presenta alcune raccomandazioni volte a valorizzare la presenza di immigrati in Italia nella programmazione degli interventi di cooperazione italiana.

Tra le indicazioni proposte:

-    l 'inclusione di un  riferimento più  strutturato  al legame tra migrazione e sviluppo all’interno delle prossime Linee Guida della Cooperazione Italiana;

-    il riconoscimento della natura trasversale della migrazione, che dovrebbe essere incorporata nei target o tra gli indicatori direttamente rilevanti per il raggiungimento di altri obiettivi di sviluppo del millennio (salute, educazione, riduzione della povertà) e per la definizione dell’agenda globale post-2015; 

-il riconoscimento di un ruolo attivo del cittadino immigrato come possibile agente di sviluppo; 

-la  considerazione  di fattori legati alla mobilità umana, alla pressione migratoria, alla presenze di immigrati in Italia  nella programmazione con i paesi prioritari.

“Si tratta di raccomandazioni molto concrete”, conclude il Direttore OIM “che intendiamo condividere con le istituzioni italiane e che ci auguriamo possano rappresentare un’utile base di discussione per permettere un inserimento strutturale di Migrazione e Sviluppo nelle attività di cooperazione promosse dall'Italia.”

PER LEGGERE IN DETTAGLIO I PUNTI OIM SU MIGRAZIONE E SVILUPPO CLICCARE QUI

La Posizione dell’OIM sull’Agenda di Sviluppo post 2015 delle Nazioni Unite
Le indicazioni OIM per il dialogo UN di Alto Livello su Migrazione e Svluppo

Per informazioni:

Flavio Di Giacomo (OIM Roma)  + 39  06 44 186 207 - email: fdigiacomo@iom.int