Home / Aree di attività / Migrazione e Salute

Migrazione e Salute

La migrazione fa parte dei determinanti sociali della salute, e in quanto tale ha un impatto sul benessere dei migranti, delle loro famiglie e delle loro comunità. L’OIM, come agenzia collegata alle Nazioni Unite, nell’area Migrazione e Salute, lavora a sostegno dei governi, dei migranti e delle comunità, nella promozione di politiche e programmi sanitari inclusivi, contribuendo in tal modo al benessere fisico, mentale e sociale dei migranti, e sostenendo lo sviluppo socio-economico delle comunità e dei Paesi.

Tradizionalmente, il collegamento tra migrazione e salute nelle politiche internazionali si è focalizzato sul controllo delle malattie e sulla prevenzione e risposta alle epidemie. Negli ultimi anni, tuttavia, l’argomento ha attirato notevole attenzione in senso più ampio, con un passaggio a una prospettiva basata sui diritti umani, che riconosce i benefici apportati da un approccio equo e inclusivo nei confronti dei migranti, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

L’Unità Migrazione e Salute presso l’OIM a Roma ha promosso negli anni numerosi progetti, con il coinvolgimento dei migranti e delle comunità di stranieri, finalizzati a promuovere una crescente consapevolezza del proprio stato di salute e un accesso appropriato ai servizi. Inoltre, ha promosso e implementato numerose iniziative di formazione del personale sanitario e di sostegno della presenza di mediatori culturali nei servizi sanitari e socio-sanitari per rafforzare l’appropriatezza e la sensibilità culturale nei percorsi di prevenzione, diagnosi e cura del Sistema Sanitario Nazionale.

 

Tra i progetti portati avanti negli ultimi anni, ricordiamo:

Valutazione medica pre-partenza e assistenza medica durante il viaggio

  • 2016-2018: Visite mediche pre-partenza per i beneficiari del programma dell’Unione Europea di relocation dall’Italia verso altri Stati Membri
  • 2018 – IOM SHARE: Visite mediche pre-partenza per i beneficiari di relocation dall’Italia verso altri Paesi UE sulla base di accordi bilaterali

 

Promozione della salute

  • 2013 – 2014 EQUI HEALTH: field assessment sugli standard minimi di qualità per il sistema di accoglienza con focus sui gruppi vulnerabili in Italia, consultazioni nazionali e formazione degli operatori sanitari  
  • 2014: Capacity building sulle competenze interculturali per gli operatori sanitari in Sicilia
  • 2015-2016: Capacity building sulle competenze interculturali per gli operatori sanitari in Lazio, Lombardia e Campania
  • 2016-2017 RE-HEALTH: Sviluppo e implementazione dell’e-PHR (e-Personal Health Record, cartella sanitaria elettronica), come strumento di integrazione per i migranti vulnerabili
  • 2016-2018 PASSIM: supporto da parte di mediatori culturali OIM ai medici USMAF durante le operazioni di Soccorso in Mare, allo sbarco e sul territorio
  • 2017 Progetto carceri: Capacity building sulle competenze interculturali per gli operatori sanitari nelle carceri  
  • 2017-2018 ESCAPES: Rafforzamento delle competenze interculturali nei servizi sanitari e miglioramento dell’accesso tramite azioni di capacity building e formazione di Educatori alla Salute di Comunità
  • 2018 MIG-H/TRAIN4M&H: Formazione di Operatori Sanitari, Operatori e Funzionari di Pubblica Sicurezza, Assistenti Sociali e Mediatori Culturali
  • 2018-in corso G-START: Salute, Territorio, Accoglienza per Richiedenti asilo e Titolari di protezione: sperimentazione di un modello