Home / Notizie / Aumentato nel 2021 il numero delle persone che hanno perso la vita lungo le rotte migratorie marittime

Aumentato nel 2021 il numero delle persone che hanno perso la vita lungo le rotte migratorie marittime

 

Berlino 14 luglio - Secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi dall'OIM, sono almeno 1.146 le persone che nei primi 6 mesi del 2021 hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere l'Europa via mare. A oggi, quest'anno le morti lungo queste rotte sono più che raddoppiate rispetto allo stesso periodo del 2020, quando il numero noto dei migranti annegati era 513. 

Il rapporto analizza la situazione in corso lungo alcune delle rotte migratorie marittime più pericolose del mondo. Mentre il numero di persone che tentano di raggiungere l'Europa attraverso il Mediterraneo è aumentato del 58% tra gennaio e giugno di quest'anno rispetto allo stesso periodo del 2020, più del doppio delle persone hanno perso la vita. 

"L'OIM ribadisce l'invito agli Stati a prendere misure urgenti e proattive per ridurre le morti lungo le rotte migratorie marittime verso l'Europa e rispettare quelli che sono gli obblighi definiti dal diritto internazionale", afferma il Direttore Generale dell'OIM António Vitorino. "Per raggiungere questo obiettivo occorre aumentare gli sforzi di ricerca e soccorso in mare (SAR), stabilire meccanismi di sbarco prevedibili e garantire l'accesso a canali migratori legali e sicuri." 

L'analisi, realizzata dal "Missing Migrants Project" presso il Global Migration Data Analysis Centre (GMDAC) dell'OIM, mostra come l'aumento dei decessi sia avvenuto in un periodo nel quale da una parte è stato registrato un insufficiente numero di operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo e lungo la rotta atlantica, e dall'altro è stato osservato un aumento deu migranti intercettati in mare al largo della costa nordafricana. 

La maggior parte degli uomini, donne e bambini che sono morti nel 2021 allo scopo di raggiungere l'Europa stavano tentando di attraversare il Mediterraneo. L’OIM ha registrato un numero totale di 896 morti per queste rotte. 

Di queste, almeno 741 persone sono morte sulla rotta del Mediterraneo centrale, mentre 149 persone hanno perso la vita attraversando il Mediterraneo occidentale e 6 sono morte lingo la rotta del Mediterraneo orientale, nel tratto di mare che separala Turchia dalla Grecia.  

Nello stesso periodo, circa 250 persone sono annegate tentando di raggiungere le isole Canarie in Spagna Lungo la rotta Atlantica. Tuttavia, queste potrebbero essere tutte stime per difetto. Centinaia di casi di naufragi invisibili sono stati segnalati da ONG che si sono messe in contatto diretto con le persone che lanciavano SOS a bordo dei barconi o con le loro famiglie. Questi casi, che sono estremamente difficili da verificare, indicano che il numero di  morti possa essere molto più alte di quanto si pensi. 

Un esempio di ciò risale al 24 marzo, quando Sohail Al Sagheer, un rapper algerino di 22 anni, è stato dichiarato disperso dopo essere partito con nove amici da Orano, in Algeria, per raggiungere la Spagna. I suoi famlliari hanno condotto un'affannosa ricerca di informazioni per scoprire cosa fosse successo, sconvolti dalla possibilità che potesse essere stato vittima di un naufragio avvenuto al largo di Almería, in Spagna. Il corpo senza vita del ragazzo è stato poi ritrovato il 5 aprile, al largo della costa di Aïn Témouchent, in Algeria. 

Il rapporto dell'OIM mostra anche un aumento, per il secondo anno consecutivo, delle operazioni marittime degli stati nordafricani lungo la rotta del Mediterraneo centrale. Più di 31.500 persone sono state intercettate o soccorse dalle autorità nordafricane nella prima metà del 2021, rispetto alle 23.117 dei primi sei mesi del 2020. 

Le operazioni al largo della Tunisia sono aumentate del 90 per cento nei primi sei mesi del 2021 rispetto al 2020.

Inoltre, oltre 15.300 persone sono state intercettate in mare e riportate in Libia nei primi sei mesi dell'anno, quasi tre volte di più rispetto allo stesso periodo del 2020 (5.476 persone). Questo è un dato preoccupante visto che i migranti che vengono riportati in Libia sono soggetti a detenzione arbitraria, estorsione, tortura. 

Il rapporto evidenzia come ci siano ancora delle lacune nei dati relativi ai flussi migratori marittimi verso l'Europa.  Dati migliori possono aiutare gli stati ad affrontare con urgenzagli impegni definiti dall'obiettivo 8 del Global Compact for Migration per "salvare vite e intraprendere sforzi internazionali coordinati sui migranti scomparsi". 

Trova il nuovo report qui

Per ulteriori informazioni si prega di contattare: 

 

Flavio Di Giacomo presso Ufficio OIM di Coordinamento per il Mediterraneo, Tel. +39 06 44186207, Email: fdigiacomo@iom.int 

Andrea Garcia Borja presso OIM GMDAC, Email: agarciaborja@iom.int 

Merna Abdelazim presso OIM RO Cairo, Email: meabdelazim@iom.int 

Safa Msehli presso OIM Ginevra, Tel: +41 79 403 5526. Email: smsehli@iom.int   

Jorge Galindo presso OIM GMDAC, Tel: +491601791536, Email: jgalindo@iom.int