Home / Notizie / Avviata in Senegal una nuova fase di "CinemArena"

Avviata in Senegal una nuova fase di "CinemArena"

 

Dakar 29 novembre – L’OIM e l'AICS ((Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo) hanno lanciato questa settimana a Dakar una nuova fase del progetto di cinema itinerante CinemArena, iniziativa che per cinque mesi girerà per l’Africa Occidentale per sensibilizzare sui rischi della migrazione irregolare e della traversata lungo il deserto e la Libia.

La carovana del CinemArena ha iniziato il tour a Tambacounda, nel sud del Senegal, una tra le principali regioni di partenza dei migranti irregolari. L’obiettivo è quello di informare i giovani senegalesi sui rischi delle migrazioni irregolari portando il cinema all’aperto in più di 25 villaggi e cercando di raggiungere circa 8.000 spettatori entro il 22 dicembre.

Le attività previste includono la proiezione di film di sensibilizzazione, seguiti da workshop, dibattiti, spettacoli teatrali e altro ancora.

“Migranti di ritorno, partner locali e artisti hanno lavorato a stretto contatto con l’OIM per riuscire a realizzare questa attività”, ha detto Laurence Hart, Direttore dell’Ufficio di Coordinamento dell’OIM per il Mediterraneo. 

“Alcuni dei migranti arrivati in Italia, hanno riferito di essere partiti senza essere consapevoli delle difficoltà del viaggio e delle violenze a cui sono stati sottoposti lunco il percorso migratorio.”

Sebbene il Senegal sia un paese di transito per molti africani che viaggiano verso l’Europa, è anche un paese di partenza. Nel 2018 la rotta dall’Africa Occidentale alla Spagna è diventata la più utilizzata dai senegalesi per raggiungere l’Europa e il Senegal è stato classificato quinto tra i paesi di origine dell’Africa Occidentale dopo Guinea, Mali, Costa d’Avorio e Gambia.

Ottenere informazioni chiare ed affidabili nelle aree più remote è una sfida, ha detto Mia Barrett, Capo dell’Unità di Sensibilizzazione dell’OIM presso l’Ufficio Regionale per l’Africa Occidentale e Centrale.

“Alcune delle aree più sensibili alla migrazione in Africa Occidentale sono talmente remote che le informazioni sui rischi della migrazione irregolare non raggiungono chi ne avrebbe più bisogno”, ha sottolineato Barrett.

 “Attraverso i film, le persone riescono a connettersi emotivamente con le esperienze degli altri – sia tristi che felici – e le proiezioni nelle comunità locali sono un modo efficace per diffondere messaggi importanti nelle zone rurali.”

Dopo la prima tappa in Senegal, CinemArena  proseguirà in Costa d’Avorio e Guinea.

Avviato dal 2002 dalla Cooperazione Italiana, CinemArena ha girato per anni le strade di tutto il mondo svolgendo attività di sensibilizzazione su numerosi temi. L’edizione 2018/2019 è stata finanziata con il Fondo Africa del MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) e realizzata dall’AICS (Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo) insieme all’OIM in sinergia con la Campagna del Ministero dell’Interno e dell’OIM “Aware Migrants”.

La campagna avviata questa settimana è inoltre realizzata in sinergia con il Global Migration Film Festival dell’OIM e con altre iniziative di sensibilizzazione realizzate in Africa Occidentale. L’anno scorso la carovana è passata in cinque stati, raggiungendo più di 75.000 partecipanti in 135 serate.

 

Per maggiori informazioni:

Flavio Di Giacomo - Portavoce OIM Italia, Tel: +39 306 44 186 240/207,  Email: fdigiacomo@iom.int