Home / Notizie / Notizie

Notizie

OIM : necessario rafforzare le attività di contrasto allo sfruttamento lavorativo

Roma 8 agosto 2018 - Le recenti tragedie avvenute nel foggiano in questi ultimi giorni hanno portato al centro dell’attenzione mediatica il tema dello sfruttamento lavorativo nei campi, di cui sono vittime molti migranti e cittadini italiani. "Ci auguriamo che la presa di coscienza di queste ore non sia solo un episodio momentaneo ma che rappresenti l’inizio di un rinnovato impegno volto a risolvere un problema che da anni causa immense sofferenze a migliaia di persone"

Cordoglio dell'OIM per la morte di 14 braccianti rimasti uccisi in soli due giorni nel foggiano

Roma 6 agosto 2018 - L’OIM esprime il proprio cordoglio per la tragica morte di 14 migranti rimasti vittime di due gravi incidenti stradali avvenuti a soli due giorni di distanza. Sabato 4 agosto quattro migranti che lavoravano come braccianti nelle campagne del foggiano, sono rimasti uccisi in uno scontro frontale che ha coinvolto il furgone sul quale viaggiavano stipati e un tir che trasportava pomodori. Oggi, lunedi 6 agosto, altri 10 migranti sono morti in un identico incidente avvenuto sempre nel foggiano. Pare che le vittime avessero terminato da poco il turno di lavoro nei campi di Capitanata e che il loro furgone si sia scontrato frontalmente con un camion carico di pomodori.

 

 

Giornata Mondiale contro la Tratta delle persone - OIM: riflettere sul sistema di identificazione e protezione delle vittime di tratta che arrivano in Italia via mare

Roma 30 luglio 2018 - Si celebra oggi la Giornata Mondiale contro la Tratta, uno dei reati tra i più gravi a livello mondiale, che viola i diritti delle persone e che rappresenta una delle forme di schiavitù moderna più estese del ventunesimo secolo. La tratta di esseri umani - crimine transnazionale che sconvolge la vita di migliaia di persone ed è causa di inaudite sofferenze -  vede tra le sue vittime anche molte ragazze che arrivano via mare in Italia.

L'OIM: "Riteniamo che la diminuzione degli sbarchi possa rappresentare un’occasione utile per avviare una riflessione sul sistema di identificazione, referral e protezione delle vittime di tratta in arrivo via mare"

 

António Vitorino eletto nuovo Direttore Generale dell’OIM

Ginevra 29 giugno - Venerdi 29 giugno 2018 gli Stati Membri dell’ Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), l’Agenzia delle Nazioni Unite per la Migrazione, hanno eletto il portoghese António Manuel de Carvalho Ferreira Vitorino come nuovo Direttore Generale. Vitorino succede allo statunitense William Lacy Swing, che lascia l’OIM dopo aver ricoperto la carica di Direttore Generale per due mandati quinquennali. La nuova Direzione di Vitorino avrà inizio il 1 ottobre 2018.

OIM e UNHCR esortano i paesi UE a sviluppare un’azione regionale e congiunta in grado di porre un termine alle tragedie nel Mediterraneo

Ginevra 28 giugno  – Allarmate dalla tragedia umana in corso, nel corso della quale quasi 1.000 rifugiati e migranti vittime di trafficanti hanno perso la vita nel Mediterraneo, l'UNHCR, l'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e l'OIM, l'Agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni, si rivolgono ai paesi dell’ Unione Europea affinché mettano in atto un’ azione coordinata e regionale che permetta di ridurre in modo consistente l’inutile perdita di vite in mare.

L'UNHCR e l'OIM ritengono che sia necessario un nuovo approccio collaborativo per rendere più prevedibile e gestibile lo sbarco delle persone soccorse in mare. Questo approccio dovrebbe basarsi sulla collaborazione già in atto tra Unione Europea, Nazioni Unite e Unione Africana. Le persone soccorse nelle acque internazionali dovrebbero essere rapidamente portate a terra in luoghi sicuri dell'UE, e potenzialmente anche altrove.

Firmato a Palermo protocollo d'intesa sul contrasto al fenomeno della tratta di esseri umani

L’OIM – Organizzazione Internazionale per le Migrazioni - annuncia la sottoscrizione del Protocollo di Intesa “Interventi Coordinati nell’ambito del fenomeno della tratta di esseri umani” tra il Comune di Palermo, l’OIM, l’Associazione Casa dei giovani ed il CISS. L’iniziativa è stata presentata oggi presso il Palazzo delle Aquile, sede del Comune di Palermo, alla presenza del Sindaco Leoluca Orlando e del Direttore dell'Ufficio OIM di Coordinamento per il Mediterraneo, Federico Soda.

Il Direttore Generale dell’OIM accoglie con favore la proposta della Spagna di accogliere i migranti a bordo dell’Aquarius


Ginevra 12 giugno– L’OIM, Agenzia ONU per le Migrazioni, ha accolto con favore la decisione della Spagna di offrire un porto sicuro agli oltre 600 migranti - compresi decine di bambini e sette donne incinte – che sono in attesa da domenica a bordo della nave Aquarius. "Fermare una o più barche nel Mar Mediterraneo non è la risposta alle sfide poste all’Unione Europea dalla questione migrazione,” ha detto il Direttore Generale Swing. “E’ necessario affrontare il fenomeno migratorio con un approccio globale e complesso che riesca combinare la necessità di creare opportunità di movimento sicuro e regolare, la realizzazione di una più efficace gestione delle frontiere e il rafforzamento della lotta al traffico di esseri umani.”

Cordoglio per l'omicidio di Soumayla Sacko. L'OIM: "Ferma condanna per qualsiasi episodio di razzismo, intolleranza e discriminazione nei confronti degli stranieri presenti in Italia"

Roma 6 giugno - L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni si unisce al cordoglio per l’omicidio di Soumayla Sacko, giovane lavoratore e attivista sindacale, ucciso da un colpo di fucile a San Calogero (Vibo Valentia) mentre aiutava alcuni compagni a trasportare le lamiere che sarebbero servite per la costruzione di un rifugio di fortuna.

Soumayla Sacko era un ragazzo di 29 anni, uno delle migliaia di lavoratori stranieri che da anni contribuiscono all'efficienza del settore agroalimentare italiano.

Giornata Internazionale contro l’Omofobia e la Transfobia

Ginevra 17 maggio - In un mondo dove più di un terzo dei paesi criminalizza relazioni consensuali tra persone dello stesso sesso, rivelare il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere può diventare estremamente rischioso. Per le persone sfollate all’interno di un paese che sono al contempo membri della comunità lesbica, gay, bisessuale, transessuale e intersessuale (LGBTI), questa situazione può anche paralizzare i mezzi di sussistenza e persino mettere in pericolo la vita. L'ingiustizia che la comunità LGBTI deve affrontare in contesti di non-emergenza non scompare semplicemente in tempi di crisi o durante uno sfollamento, anzi, di solito viene amplificata.

Arrivi via mare: sono 619 i migranti morti quest'anno nel Mediterraneo

Ginevra 8 maggio 2018 - Sono 619 i migranti morti nel Mediterraneo nei primi 4 mesi del 2018. Di questi, 383 hanno perso la vita lungo la rotta del Mediterraneo Centrale. Alla mattina del 7 maggio, il numero totale di migranti arrivati in Italia dall’inizio dell’anno è stato di 9567, un calo di circa il 76 per cento rispetto agli arrivi dello stesso periodo dell’anno scorso, quando i migranti soccorsi e arrivati in Italia furono 41165. Nonostante il numero assoluto delle morti in mare sia diminuito, rispetto al numero degli arrivi la percentuale dei dispersi è in aumento: dal 2,5% del 2017 al 4% del 2018.